“costruire un’altra chiesa tanto bella che non abbia eguali e che si consideri e che faccia onore alla grandezza e all’autorità di Siviglia”

Saltare al contenuto

Navigazione secondaria

Home > Monumenti > La Cattedrale di Siviglia
SITE Spain Convention Bureau ICCA GMIC

Monumenti

La Cattedrale di Siviglia

La Cattedrale di Siviglia

“un’altra chiesa tanto bella che non abbia eguali e che si consideri e che faccia onore alla grandezza e all’autorità di Siviglia e la sua Chiesa come vuole la ragione.”

E’ la terza maggiore al mondo, dopo San Pietro in Vaticano e Saint Paul a Londra. Sessanta pilastri sostengono le sue 68 volte di nervatura, contiene piú di 30 cappelle, piú altri spazi come la Sala degli Ornamenti, l”Antecabildo”, la Sala Capitolare, la Sacrestia Maggiore e quella dei Calici, il coro e i numerosi altari.

Un’opera di cinque secoli

Un’opera di cinque secoli La Cattedrale è stata costruita sulla Moschea Maggiore almohade. Nel 1401, la Comunitá ecclesiastica decise di "costruire un'altra chiesa così bella che non abbia eguali e che si consideri e che faccia onore alla grandezza e l'autorità di Siviglia e della sua Chiesa come vuole la ragione." La Cattedrale di Siviglia ha un’enorme collezione di opere d'arte con scultori come Mercadante, Fancelli o Montañés e pittori come Campaña, Zurbarán e Goya. Inoltre, gli straordinari stalli del coro, l'organo barocco, le vetrate, i gioielli, le ceramiche, la ricca collezione di libri di coro, di ornamenti sacri, ecc. La liturgia della Cattedrale è splendida nel Triduo del Carnevale, nell'ottava del Corpus Domini o dell'Immacolata, con la danza unica degli “Seises” nell’Altare Maggiore. I resti di Cristoforo Colombo riposano qui dal 1902 nel monumento funebre progettato da Arturo Mélida.
Un’opera di cinque secoli La sua pianta è a cinque navate con cappelle tra i contrafforti e frontale piatto. Realizzata in pietra, rompe con la tradizione mudéjar dei mattoni. Non si sa con certezza l'autore della pianta della Cattedrale e la partecipazione e la rilevanza dei maestri che vi intervennero. Le tracce potrebbero essere di Alonso Martínez, maestro maggiore della Cattedrale alla fine del XIV secolo, o dei maestri Isambret e Carlin che vi lavorarono dal 1434. A questi si aggiungono nomi come Juan Norman, Juan de Hoces, Simón de Colonia, Alonso Rodríguez e Gil de Hontañón che completó la costruzione della cattedrale gotica. Durante il XVI secolo, come riflesso del potere e del pensiero umanista della Comunitá ecclesiastica, si costruirono diverse sale annesse in stile Rinascimentale con eccellenti architetti come Diego de Riano, Martín de Gainza, Hernán Ruiz II o Asensio de Maeda. Nel corso dei secoli successivi si continuarono ad aggiungere opere fino a quando nel 1929 venne concluso il Padiglione delgi Uffici.

La Giralda

Tra il 1558 e il 1568, Hernán Ruiz II eresse la maestuosa torre campanaria rinascimentale che si fonde con le forme musulmane.

La Giralda Nel 1184 Ahmad ibn Baso progettó di costruirla in pietra e, a tal fine, usò blocchi di origine romana, come si osserva alla base della torre. Gli successe Ali de Gomara, che utilizzò il mattone. Le pareti sono decorate con disegni di rombi in altorilievo, "sebka" e con coppie di finestre con archi lobulati o a ferro di cavallo, alternativamente. Per commemorare la vittoria di Alarcos, si collocarono quattro mele d'oro sul coronamento della torre, completate nel 1198. Un terremoto nel 1356 le distrusse e, nel 1400, al loro posto venne collocato un campanile che ospitò la campana del primo orologio pubblico di Spagna. Tra il 1558 e il 1568, Hernán Ruiz II eresse la maestuosa torre campanaria rinascimentale che si fonde con le forme musulmane.
La Giralda É costituita, in primo luogo, dal Corpo delle Torri, che mantiene la stessa larghezza dell’antico minareto. Gli spazi fra i tredici pilastri sono decorati con piastrelle nere di varie forme. Sopra di questo si innalzano pilastri di mattoni che formano cinque fori su ciascun lato, il centrale coperto da un’ arco e i restanti da un coprifilo e, sopra ognuno di questi, un oculo. Sopra, un parapetto con lanterne e vasi, comunemente conosciuti come carambole. Ad ogni angolo si trova una sfera di bronzo a cui si aggiunsero nel 1751 steli di gigli che simboleggiano la Comunitá ecclesiastica. Nel Corpo dell’Orologio si trova la campana del 1400. Nel fregio appare la seguente epigrafe: " TURRIS FORTISSIMA NOMEN DNI PROBERBI8", come cita il proverbio 18: Torre fortissima è il nome del Signore. Il Corpo del Pozzo dispone di otto pilastri decorati con piastrelle nere e, infine, il Corpo Rotondo, che funge da base della banderuola, il Giraldillo. Lo progettò Luis de Vargas, lo modellò Juan Bautista Vázquez "il Vecchio" e lo fuse nel bronzo Bartolomé Morel. Si tratta di una delle più belle creazioni del Rinascimento spagnolo e trasporta il modello mitologico di Pallade Atena alla fede cristiana, Trionfo della Chiesa. La Giralda raggiunge i 96 metri di altezza e dispone di 35 rampe che permettono di raggiungere il campanile.

Le Porte

Nove sono le porte che danno acceso alle navate della Cattedrale.

Le Porte Nove sono le porte che danno accesso alle navate della Cattedrale. Ai piedi del Tempio, quelle del Battesimo e della Nascita, con statue di Lorenzo Mercadante di Bretagna e Pedro Millán del XV secolo, e quella dell'Assunzione di Fernando Rosales (1829-1831) con rilievi di Ricardo Bellver (1882-1884). Nell’abside, quella dei Pali e della Campanella, di Miguel Florentín (1520-1523) e, nel transetto, quella della Concezione (1895-1927) e quella del Principe (1887-1895), entrambi di Adolfo Fernández Casanova e sculture di Adolfo López. A queste vanno aggiunte quelle della parrocchia del Santuario e della Lucertola.
Le Porte La Porta della Nascita fu denominata anche porta di San Miguel per la sua vicinanza all’ormai estinto collegio con lo stesso nome. Nel suo timpano si trova il rilievo della Natività del Signore e in due archivolti i rispettivi profeti seduti e angeli con strumenti musicali. L’insieme è completato da sei statue, raffiguranti San Giovanni, San Marco, San Laureano e San Matteo, San Luca e Sant’Ermenegildo. Sono opere di Lorenzo Mercadante (1464-1467), salvo i due profeti che sono opere del suo discepolo e successore Pedro Millán. La Porta del Battesimo la costruì Carlín intorno al 1450. Le sculture sono di Pietro Millán e Lorenzo Mercadante. Di questi, risaltano i sei santi sivigliani a destra e a sinistra del vano di accesso. La porta dell’ Adorazione dei Magi o dei Pali è del 1480. La statuaria di terracotta è datata intorno al 1520. È attribuita tanto a Miguel Florentín come a Miguel Perrín.

Le Vetrate

Nel complesso, costituiscono la migliore collezione rinascimentale che esiste in Spagna.

Le Vetrate La torrida luce sivigliana penetra nella Cattedrale attraverso le sue oltre 100 finestre. Esse offrono un’ illuminazione soffusa che in diagonale si mescola con la penombra creando un’atmosfera tranquilla e ricca di sfumature che invita a meditare e vagare per le navate della cattedrale. Le più antiche vetrate appaiono con i caratteristici disegni geometrici gotici. Scompaiono nel periodo rinascimentale con l'intenzione di rappresentare non solo personaggi, ma anche scene. Nell’insieme, essi costituiscono la migliore collezione rinascimentale che esiste in Spagna. Enrique Alemán (1478-1483) fu il primo dei maestri che le progettarono, e, dopo di lui, Juan Jacques (1510-1520), Arnao de Vergara (1525-1536), il quale diede impulso allo stile rinascimentale che continuarono suo fratello Arnao de Flandes (1534-1557), Carlos de Brujas (1558) e Vicente Menardo (1560-1578).

Altare Maggiore

Altare Maggiore La sua grandezza illude i sensi che pensano di vedere una cascata dorata, e solo dopo uno sguardo riflessivo e attento, si può comprendere l'intero repertorio iconografico offerto. Di stile gotico, anche se la sua parte superiore è rinascimentale, il Retablo Maggiore della Cattedrale è considerato il più grande al mondo. Il fiammingo Pierre Dancart lo progettò nel 1480 e venne terminato nel 1564 con la partecipazione di molti artisti. È presieduto dalla Vergine della Sede, immagine eccellente del XIII secolo scolpita in legno e coperta, tranne la testa e le mani, con lastre d'argento. Ai suoi lati, appaiono rilievi curiosi con viste sulla città e la Cattedrale.
Altare Maggiore Fondamentalmente, l’opera scultorea del Retablo Maggiore è una rappresentazione completa della vita della Vergine e di Cristo. É coperto da una custodia di apparenza mudejar formata da ottagoni intrecciati. Su questo si trova la famosa Trave con le sculture degli Apostoli e la Quinta Angustia. Alcune immagini del XIV secolo, il Cristo del Millón, la Madonna e San Giovanni coronano il retablo.

Virgen de la Antigua

A partire da Colombo, che così denominó una delle isole da lui scoperte, davanti a lei si prostrarono i viaggiatori che partivano per l’America.

Virgen de la Antigua La Virgen de la Antigua è del XIV secolo e segue il modello della “Vergine Conduttrice” bizantina in cui Maria appare come guida di Gesù. La posizione della Vergine imita l’inclinazione delle figure in marmo. Una donna prega ai suoi piedi, forse Eleonora d'Alburquerque, moglie di Fernando de Antequera. A partire da Colombo, che così denominó una delle isole da lui scoperte, davanti a lei si prostrarono i viaggiatori che partivano per l’America, estendendo la sua devozione a tutto il continente. Così, nel 1929, si spiegarono le bandiere dei paesi americani che ancora oggi vengono issate nella cappella. Inoltre, in essa risalta la tomba del cardinale Diego Hurtado de Mendoza, opera di Fancelli del 1508. Di fronte a questo, Duque Cornejo costruì il sepolcro dell’arcivescovo Azcona e Salcedo, imitando lo stile di quello.

Cardenal Cervantes

La Cattedrale dispone di sepolcri di un’eccellente qualitá artistica, come quello del cardinal Cervantes.

Cardenal Cervantes La Cattedrale ha tra le sue funzioni anche un uso funerario, con tombe di eccellente qualità artistica come quella del cardinale Cervantes. Situato nella cappella di Sant’ Ermenegildo, lo terminò Mercadante nel 1458.

Cappella Reale

La Virgen de los Reyes riceve una grande devozione da parte dei sivigliani e ogni mattina del 15 agosto si celebra la sua processione, che riunisce innumerevoli fedeli.

Cappella Reale La progettò Martin de Gainza nel 1551 e, dopo la sua morte, Hernán Ruiz II innalzò nel 1557 la cupola decorata con busti. Presiede la Cappella la Virgen de los Reyes, patrono dell'Arcidiocesi di Siviglia. Questa Vergine del XIII secolo, probabilmente di provenienza francese è, secondo la tradizione, un dono del re San Luigi di Francia a suo cugino il re San Fernando. È un'immagine elegante con bracci e testa articolati e aveva un meccanismo interno che li muoveva. Una leggenda nella parte superiore del suo altare, spiega il suo epiteto: "Colei per cui regnano i re".
Cappella Reale La Virgen de los Reyes riceve una grande devozione da parte dei sivigliani e ogni mattina del 15 agosto si celebra la processione che riunisce innumerevoli fedeli. L'urna d'argento (1690-1701) di Juan Laureano de Pina ospita il corpo intatto del re San Fernando (1201-1252), conquistatore della città nel 1248, adornato con la corona che gli donò Filippo V. La tomba di Alfonso X il Saggio si trova sul lato della cappella (il cuore e le viscere sono conservati presso la Cattedrale di Murcia) di fronte a quello di sua madre, Beatrice di Suabia. Sotto l'altare maggiore si trova la cripta con le spoglie di Pietro I, di sua moglie Maria de Padilla e altri membri della famiglia reale.

Sacrestia Maggiore

Diego de Riaño disegnò nel 1528 la Sacrestia Maggiore come un grande spazio diafano dalle esuberanti decorazioni d’argento in un percorso che spazia dalla Genesi all’Apocalissi.

Sacrestia Maggiore Diego de Riaño disegnò nel 1528 la Sacrestia Maggiore come un grande spazio diafano dalle esuberanti decorazioni d’argento in un percorso che spazia dalla Genesi all’Apocalisse. Dopo la sua morte nel 1534, continuò i lavori Martin de Gainza che li concluse nel 1543. La pianta è a croce greca e coperta da una cupola con pennacchi. La decorazione a grottesche risale i fusti di pilastri e colonne e, sul cornicione, sono rappresentate le virtù, i padri della chiesa e i santi ispanici.
Sacrestia Maggiore Sulle volte appaiono giudici, sacerdoti, profeti e patriarchi dell'Antico Testamento, gli apostoli e vescovi. Sulla cupola, il Giudizio Universale e nella lanterna, Dio Padre. La Sacrestia si completa con una tripla cappella nel suo abside con rilievi dell'Assunzione, mistero a cui è dedicata la Cattedrale. Ospita una vasta collezione di opere d'arte, come la Deposizione (1548) di Pedro de Campaña, San Isidoro e San Leandro (1645) di Murillo, Santa Teresa (1650) di Zurbarán, il Martirio di San Lorenzo (1655) di Lucas Jordan , l’Immacolata di Alfonso Martínez (XVII), San Fernando (1671) di Pedro Roldán ... Qui si trova anche la superba Custodia (1580-1587) rinascimentale in argento di Juan de Arfe di circa quattro metri di altezza che viene portata in processione in occasione della festa del Corpus Domini per le vie del centro di Siviglia.

Sala Capitolare

La disegnò Hernán Ruiz II verso il 1561. Utilizzò un’innovativa pianta ovale influenzato dal famoso “Trattato di Architettura” dell’italiano Sebastiano Serlio.

Sala Capitolare La manierista Sala Capitolare fu disegnata dal grande Hernán Ruiz II verso il 1561 e la concluse Alonso de Maeda nel 1592. Utilizzò un’innovativa pianta ovale influenzato dal famoso “Trattato di Architettura” dell’italiano Sebastiano Serlio. Allo stesso modo, il disegno sul pavimento presenta notevole somiglianza con la Piazza del Campidoglio a Roma, progettata da Michelangelo.Circonda la sala una ricca collezione di rilievi che seguono il programma teologico dell’umanista e canonico Francisco Pacheco e che spiegano le iscrizioni latine che li accompagnano.
Sala Capitolare Intagliati tra il 1582 e il 1590, risaltano con il candore della pietra avendo perso il loro colore originale. Juan Bautista Vázquez "il Vecchio" e Diego Velasco si contendono la paternità dei rilievi verticali che si alternano ad altri orizzontali più piccoli realizzati da Marcos Cabrera. Il rilievo dell'Assunzione, attribuito a Vázquez, è il più bello. Nel 1668, Murillo dipinse per la volta otto tondi con santi relazionati con Siviglia e una bellisima Immacolata che possiede un pronunciato effetto di leggerezza, illusione che accentua la grande altezza a cui l'immagine è appesa. Con Murillo è stato raggiunto il culmine dell'evoluzione dell'iconografia dell'Immacolata Concezione, la devozione mariana che scatenò rivalità tra i sivigliani difensori e contrari nel XVII secolo.

L’immacolata

Martínez Montañés è considerato uno dei migliori scultori spagnoli di tutti i tempi. Rappresenta la più perfetta simbiosi tra classicismo e barocco.

L’immacolata Mateo Vázquez de Leca commissionò il Cristo della Misericordia nel 1603. Juan Martínez Montañés scolpì una delle più belle opere d'arte spagnole in questo Cristo pieno di classicismo. Sia Vazquez de Leca che Montañés furono uccisi dalla grande peste del 1649. La magistrale Immacolata di Montañés, scolpita nel 1631, è conosciuta come la “Cieguecita” per i suoi occhi socchiusi e per il suo sguardo basso.

Cristoforo Colombo

Le sue spoglie arrivarono a Siviglia il 19 gennaio del 1899 a bordo dello yacht reale Giralda. A Arturo Mélida si deve il monumento funebre a Cristoforo Colombo.

Cristóbal Colón Nel 1485, Cristoforo Colombo si stabilì a Siviglia, dove visse saltuariamente per ottenere il sostegno per i suoi progetti visionari che portarono alla scoperta dell'America. A Siviglia trovò l'ospitalità dei monaci del monastero della Cartuja e il sostegno del duca di Medinaceli. La data del 12 Ottobre 1492 ha segnato una nuova era nella storia del mondo. Siviglia, dove Colombo ritornò il 31 marzo 1493, diventò la protagonista indiscussa dell’ avventura americana e la porta delle ricchezze del Nuovo Mondo con il suo monopolio del commercio con le Indie. Dopo la morte di Colombo a Valladolid nel 1506 il suo corpo venne trasferito alla Cartuja da cui, seguendo la volontà dell’ ammiraglio nel suo testamento, venne spostato a Santo Domingo. Nel 1796 fu portato a L'Avana, dove rimase fino alla perdita di Cuba. Le sue spoglie arrivarono a Siviglia il 19 gennaio del 1899 a bordo dello yacht reale Giralda. A Arturo Mélida si deve il monumento funebre a Cristoforo Colombo. Riproduce quattro uomini con le armi di Castiglia, León, Navarra e Aragona che trasportano la bara.

Patio degli Aranci

La Porta di San Pedro era l’entrata principale dell’antica Moschea e da essa si accedeva al patio delle abluzioni, quello che oggi è il patio degli Aranci.

Patio degli Aranci La Porta di San Pedro era l’entrata principale dell’antica Moschea e da essa si accedeva al patio delle abluzioni, quello che oggi è il patio degli Aranci. Le porte sono in legno con lamine di bronzo lavorate con intrecci, “atauriques” e iscrizioni cufiche. Miguel Florentín realizzó le figure dell'Annunciazione, quella di San Pietro e quella di san Paolo, oltre al rilievo dell’Espulsione dei Mercanti dal Tempio, una chiara allusione ai mercanti che affollavano i gradini della cattedrale creando numerosi conflitti tra loro e la Comunitá ecclesiastica. Il Patio de los Naranjos è ordinato con sei filari di aranci che percorrono il patio collegati da canali di mattoni e, nel centro, una fontana di forma ottogonale di marmo di origine romana.
Condividere su: LinkedIn

Strumenti

Cambia lingua

Español English Français Deutsch Italiano

Il tempo a Siviglia

Media annuale
18,6 oC
Soleggiato
Programmi professionali

Agenda culturale

dicembre 2015

1 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
2 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -[Inizio] III FERIA DE MODA en la Provincia de Sevilla. -III FERIA DE MODA en la Provincia de Sevilla.
3 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -III FERIA DE MODA en la Provincia de Sevilla. -[Inizio] Basque Tradition and Culture -Basque Tradition and Culture
4 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -[Fine] III FERIA DE MODA en la Provincia de Sevilla. -[Fine] Basque Tradition and Culture
5 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
6 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
7 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
8 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
9 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
10 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
11 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
12 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -[Inizio] Concierto de Navidad: The Glory of the Lord -Concierto de Navidad: The Glory of the Lord
13 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -[Fine] Concierto de Navidad: The Glory of the Lord
14 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO
15 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -[Inizio] La obra invitada -La obra invitada
16 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -La obra invitada
17 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -La obra invitada -ARTEFACTUM / Música medieval
18 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -La obra invitada
19 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -[Fine] Otoño Barroco, Música Contemporánea y Contradanza -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -MIRAR UN CUADRO -La obra invitada
20 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -[Fine] MIRAR UN CUADRO -La obra invitada
21 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
22 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
23 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
24 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
25 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
26 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
27 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
28 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
29 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
30 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
31 -Actividades para familias en el Museo de Bellas Artes -Museo de Bellas Artes -La mano con lápiz. -Museo de Bellas Artes -Real Orquesta Sinfónica de Sevilla -La obra invitada
Caricamento…

Trasporti

Voli

MTWTFSS London
MWFS Paris
TTS Roma

Treni

MTWTFSS Madrid
MTWTFSS Barcelona

Location

Situación de Sevilla, España, Europa
Compromiso de Calidad Turística
Design ADE | Sviluppo VNF